Un omicidio e un'impiccagione in Alaska: l'incidente di Lituya Bay che ha ispirato Jack London
CasaCasa > Notizia > Un omicidio e un'impiccagione in Alaska: l'incidente di Lituya Bay che ha ispirato Jack London

Un omicidio e un'impiccagione in Alaska: l'incidente di Lituya Bay che ha ispirato Jack London

Aug 16, 2023

Parte di una serie settimanale continua sulla storia dell'Alaska dello storico locale David Reamer. Hai una domanda sulla storia di Anchorage o dell'Alaska o un'idea per un articolo futuro? Vai al modulo in fondo a questa storia.

“È semplice vedere l’ovvio, fare ciò che ci si aspetta. La tendenza della vita individuale è quella di essere statica piuttosto che dinamica, e questa tendenza è trasformata in una propulsione dalla civiltà, dove si vede solo l’ovvio e l’inaspettato accade raramente. Quando però accade l’inaspettato, e quando è di importanza sufficientemente grave, gli inadatti periscono. Non vedono ciò che non è ovvio, non sono in grado di fare l'inaspettato, sono incapaci di adattare le loro vite ben scandite ad altri e strani solchi. In breve, quando arrivano alla fine del loro ritmo, muoiono. D'altra parte, ci sono quelli che puntano alla sopravvivenza, gli individui in forma che sfuggono al dominio dell'ovvio e dell'atteso e adattano la propria vita a prescindere dagli strani percorsi in cui possono perdersi o in cui possono essere costretti. "

Jack London pubblicò per la prima volta queste parole nel 1906, in apertura al racconto “L’Unexpected”. Come in molti altri paesi del paese, l'inizio della corsa all'oro del Klondike causò un grave caso di febbre dell'oro. E come la maggior parte degli altri aspiranti cercatori, la sua breve esperienza in Alaska e Canada fu deludente, segnata da malattie e dolore piuttosto che da fortune trovate. Anche se i leggendari giacimenti auriferi non soddisfacevano le aspettative, non avrebbe mai potuto dimenticare il paesaggio e la cultura, così vibranti erano rimasti impressi nella sua mente.

Nel corso degli anni, l'autore di “Il richiamo della foresta” e di “Zanna Bianca” ha ripetutamente attinto alle sue esperienze e ad altri racconti del Nord per alimentare i suoi scritti. Raccoglieva ritagli di giornale e accumulava storie dell'Alaska. In questo senso, “L’Unexpected” è uno dei tanti. In un modo diverso, si distingue. Londra affermò che era basato su una storia vera di omicidio e giustizia di frontiera. Tuttavia, i dettagli erano così scioccanti che alcuni lettori, tra cui molti abitanti dell’Alaska, accusarono London di aver completamente inventato la narrazione. Ma, sfortunatamente per le persone coinvolte, ci fu davvero un omicidio durante il freddo inverno del 1899 a Lituya Bay e, alla fine, una corda da boia per l'assassino.

Jack London fotografato nel 1916, poco prima della sua morte. Lo scrittore più pagato e più letto del suo tempo, Jack London è ancora lo scrittore americano più tradotto. (Foto AP)

La baia di Lituya, un fiordo lungo sette miglia e largo due, a circa cento miglia a sud-est di Yakutat, ha una storia di tragedie e disastri. Nel 1786, 21 esploratori francesi morirono lì, le loro navi fatte a pezzi dai frangenti nello stretto ingresso della baia. Il capo della spedizione, Jean François de Galaup, conte di Lapérouse, scrisse: "Non ci restava altro che abbandonare rapidamente un paese che si era rivelato così fatale". Il 9 luglio 1958, un terremoto di magnitudo 7,8 provocò una frana che, a sua volta, creò un megatsunami che uccise due persone su un peschereccio nella baia.

['Sembra la fine del mondo': il terremoto dell'Alaska che generò il più grande tsunami mai registrato nella storia]

Tuttavia, c'era oro anche nella baia di Lituya, nelle sabbie della riva come a Nome. Sebbene ampiamente oscurati dalla corsa all'oro altrove, ci furono sforzi più o meno costanti per estrarre le spiagge dal 1888 al 1917. Nel 1899, questi sforzi furono gestiti dalla Lituya Bay Gold Placer Mining Co. Quell'autunno, la società lasciò cinque persone come proprietà custodi per l'inverno: marito e moglie Hans e Hannah Nelson, Fragnalia Stefano, Sam Christianson e Martin Severts.

I Nelson vivevano lontani dagli altri, su un torrente vicino alla baia di Lituya, ma di solito tutti si incontravano nella loro capanna per mangiare. Il 6 ottobre 1899 cenarono come al solito, anche se, dopo aver mangiato, Severts inspiegabilmente e sorprendentemente se ne andò presto mentre gli altri continuarono a chiacchierare. Londra qui suggerisce che l'equipaggio abbia scherzato sulla sua perdita di appetito. Secondo un resoconto di Christianson del 1906, "In breve tempo (Severts) tornò e aprendo la porta puntò una rivoltella Colt .45 contro Stefano (Harkey) e gli sparò a morte". Severts puntò la mira verso Christianson e sparò. Il tiro è andato a lato ma è rimbalzato su una tazza di granito e ha sfiorato il collo di Christianson. "Ero così sbalordito che sono caduto a terra", ha detto Christianson.